Crea sito

Idee sostanziali di Le Corbusier

Archipittura e armonie di spazi

Charles-Edouard Jeanneret, svizzero naturalizzato francese, deve il suo soprannome: Le Corbusier, al ritratto di un antenato belga appeso nella casa in cui ha trascorso l’infanzia. Il suo nome d’elezione, risuona tra le immagini di edifici e arredi, ma alla base della sua organizzazione, del tutto personale, degli spazi, c’è una sensibilità “altra”che affonda radici segrete nella pittura.

Ed è proprio attraverso questo lavoro intimo, coltivato con caparbietà da Le Corbusier, che giungerà aldincanto_corbusier_pittorele sue intuizioni di stile in architettura. L’essenzialità è una virtù che istiga alla stilizzazione, alla meccanizzazione, all’incastro, a quell’esattezza che prende le mosse da Léger.

Le forme pure si affrontano a duello, o, per meglio dire, si fissano immobili nell’istante prima che il duello abbia inizio. Sono presenze concrete, affermate sulla tela e successivamente nelle grandi opere dell’architettura moderna, su cui Le Corbusier apporrà la propria firma, proponendosi come uno dei geni della forma del XX secolo.

Il purismo

dincanto_Le Corbusier3

A partire dal 1917 Le Corbusier e Ozenfant, colui che lo aveva iniziato alla pittura, fondarono il movimento purista, un’arte chiara, che eredita dal cubismo il desiderio di liberarsi da modalità ormai  superate nella ricerca dei volumi.

Il purismo aderisce alla civiltà delle macchine, ed è influenzato dalla modernità nell’estetica. Il nuovo ideale plastico è la macchina, con cui l’arte deve essere in sintonia, per tenere il passo con i tempi. Le macchine si costruiscono sempre più secondo proporzioni, giochi di volumi e materiali, in modo tale che esse stesse siano delle vere e proprie opere d’arte.

L’abbandono del purismo avverrà con l’inserimento delle prime figure femminili, imponenti sculture nella tela, che apriranno la porta ad una fase più matura dell’opera pittorica di Le Corbusier.

In bilico tra futuro e sentimento

La vita è fatta di dinamismo e trasformazione. Le figure restano appese nella dimensione onirica, imprigionate in tratti accennati e montate in accostamenti meccanici.

La visione del mondo è intesa a tutto tondo, un teatro umano in cui è possibile osservare anche i trucchi scenografici e le macchine dietro alle quinte.

dincanto_Le CorbusierLe immagini risultano goffe, travolte da un’accelerazione, cui l’emotività non riesce a star dietro, quasi a fissare la mappa di un sogno ad occhi aperti, in cui ogni pensiero è sullo stesso piano. Come un ironico gioco al massacro, in cui le linee fluttuano liberamente.

Tutto sta insieme come in una costellazione moderna, in cui il peso e la fragilità delle forme si trasformano in una qualità della visione.

“Lo stile non è affatto un abbellimento come credono certe persone, non è neppure una questione di tecnica, è – come il colore per i pittori – una qualità della visione, la rivelazione dell’universo particolare che ciascuno di noi vede, e che gli altri non vedono.”

(Marcel Proust“Swann spiegato da Proust”)

Un’opera di Le Corbusier a Torino si può osservare nella mostra Matisse e il suo tempo a Palazzo Chiablese sino al 15 maggio 2016.

Comments are closed.